Per maggiori informazioni, contattaci: info@risorsesmart.com

Seguici sui nostri social:

risorsesmart-marchio_1467300598613
_DSC0159.JPG
ARROW1ARROW2
photo-1415562689440-4b13ae5da0eb_1467306847435

RISORSE SMART  |  PRESS & EVENTI

LA NOSTRA RASSEGNA STAMPA

TOP NEWS

15/10/2015, 21:34





 Il sud Italia possiede un giacimento nascosto che può valere al 2030 da 18,4 a 27,4 miliardi di euro e 8 mila nuovi posti di lavoro



nnGiovedì 08 Ottobre 2015 - 19:48 nArticolo letto 1.146 volte nAl centro Radicepura di Giarre si è svolto il meeting internazionale dal titolo "Biogasdoneright and soil carbon sequestration". nGiarre - Il sud Italia possiede un giacimento nascosto che può valere al 2030 da 18,4 a 27,4 miliardi di euro e 8 mila nuovi posti di lavoro stabili e altamente qualificati. In termini di Pil rappresenterebbe un incremento di quasi mezzo punto percentuale. Per lo Stato si tratterebbe di maggiori entrate fiscali per 3,3/5 miliardi di euro. È questo in numeri il potenziale del biogas nel mezzogiorno. nL’impresa del futuro sarà sempre più rivolta al "food" attenta all’ambiente, ai cambiamenti climatici e utilizzerà i suoi scarti organici per produrre energia elettrica, biometano e bioplastiche. nE’ questo il principio della teoria del "biogasdoneright": "il biogas fatto bene" che è al centro del meeting internazionale sulla sostenibilità della filiera agro-alimentare, promosso dal Consorzio Italiano Biogas, il CIB, evento che rientra tra le iniziative Expo 2015. nI lavori sono stati aperti da Roberto Bonaccorsi, sindaco del comune di Giarre, Mario Guidi, presidente nazionale di Confagricoltura. presenti, tra gli altri, il presidente del Consorzio CIB Piero Gattoni. n"L’impresa riparte da un modello produttivo ed efficiente - ha esordito il presidente CIB, Piero Gattoni - In questi cinque anni di lavoro abbiamo dimostrato che investire nella digestione anaerobica significa non solo produrre energia rinnovabile, ma anche un modello agricolo capace di valorizzare i sottoprodotti e le colture in rotazione: cioè, ritornare a coltivare il terreno, a fertilizzarlo in maniera organica, riportando il carbonio nel suolo". "Noi pensiamo che questo sia un modello che possa essere preso da esempio anche in Sicilia, trovando l’integrazione vincente tra attività agroalimentare e differenziazione di energia rinnovabile". nSul tema, esperti provenienti da tutto il mondo si sono confrontati in due sessioni di studio e in due tavole rotonde, illustrando aspetti tecnici e finanziari, ma anche le norme di settore necessarie. nSi è parlato di digestione anaerobica sia come fonte di energia rinnovabile, ma anche come tecnologia in grado di sviluppare sistemi agronomici più produttivi e sostenibili che siano a loro volta in grado di creare opportunità di sviluppo economico per il Mezzogiorno, risolvendo il problema di desertificazione del nnterreno e favorendo una transizione agricola, industriale ed energetica "green", che metta al centro l’impresa agricola multifunzionale e competitiva. nLa prima sessione dei lavori, dal titolo "Food and energy le biomasse per gli advanced biofuel, biogas and soil carbon sequestration", è stata condotta dal professore Biagio Pecorino, docente di Economia delle aziende dell’agroalimentare, Dipartimento Agricoltura, Alimentazione e Ambiente università di Catania. Intervenuti anche Bruce Dale, docente Ingegneria Chimica, Michigan University Consigliere del dipartimento Energia Governo Obama, Paolo Inglese, FAO Cactus network, Stefano Bozzetto, Comitato esecutivo EBA, Alessandro Marangoni, Althesys, che ha illustrato i dati di uno studio condotto sullo sviluppo del mezzo giorno. "Il biogas è una fonte di energia rinnovabile ottenibile dal riutilizzo dell’enorme mole di secondi raccolti, colture in rotazione, sottoprodotti e scarti - ha dettagliato- Ciò che non serve e la cui gestione rappresenta oggi un costo economico e ambientale per le imprese agroalimentari, può trasformarsi, attraverso la "digestione anaerobica", ovvero un processo di fermentazione in assenza di ossigeno che avviene negli impianti a biogas, in energia rinnovabile, calore, biocarburanti e bio-fertilizzanti, con un taglio delle emissioni di 79 milioni di tonnellate di CO2". n"Il biogas in Sicilia può rappresentare una gros nsa opportunità, a patto però, che si riesca a fare sistema - ha commentato Biagio Pecorino - La Sicilia deve maturare una propria identità, scelta tecnologica e combinazione dell’alimentazione. II vantaggio è che si può fare anche su piccola scala, possono farlo gli agricoltori ma anche riportare all’interno delle aziende agricole per sostenere reddito e occupazione per sostenere i territori" nA seguire, la tavola rotonda sul tema "Le politiche per lo sviluppo del biogasdoneright® and soil carbon sequestration" coordinata dal presidente del Consorzio CIB Piero Gattoni, con Ezio Veggia, vice Presidente Confagricoltura, Ezio Castiglione, Ismea, Rosaria Barresi, Assessore Agricoltura Regione Sicilia, Sandro Liberatori, direttore Enama. Il sottosegretario Ministero Agricoltura, Giuseppe Castiglione, ha concluso i lavori. n"Sono molto soddisfatto del lavoro svolto fi n qui in campo normativo - ha detto il sottosegretario Castiglione - Dal mio decreto del 2013 abbiamo fatto grandi passi avanti. Il tema delle bioenergie e delle agro-energie oggi interessa le imprese sia sul versante della competitività che su quello ambientale. Noi oggi affrontiamo un problema e lo incentiviamo. II nuovo decreto che andrà in conferenza Stato-Regioni alla prossima seduta prevede il contributo per quelle imprese che fanno impianti di piccola dimensione, che utilizzano il 70% dei sottoprodotti dell’Agricoltura. Stiamo lavorando anche a un piano nazionale sul biometano, una grande opportunità per produrre energia, o il digestato, cioè una sostanza organica per il nostro terreno, riequilibrando la produzione di energia su tutto il territorio nazionale: Basti pensare che Sicilia esiste un solo impianto di biometano, nella sola Cremona ce ne sono 130".

VAI ALL’ARTICOLO:n

nhttp://catania.livesicilia.it/2015/10/08/ambiente-sostenibilita-della-filiera-agro-alimentare_355792/nnnn



1

LE ATTIVITA DI RISORSE SMART

Scopri le nostre news

Al centro Radicepura di Giarre si è svolto il meeting internazionale dal titolo “Biogasdoneright and soil carbon sequestration".

15/10/2015, 21:34

Il sud Italia possiede un giacimento nascosto che può valere al 2030 da 18,4 a 27,4 miliardi di euro e 8 mila nuovi posti di lavoro

photo-1415562689440-4b13ae5da0eb_1467306847435

RISORSE SMART

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Lasciaci il tuo indirizzo mail, rimani aggiornato sulle nostre attività,

gli eventi e la rassegna stampa di Risorse Smart.

About Risorse Smart

L'idea nasce dall'amore per il territorio oggi continuamente deturpato da risorse gestite

come fossero rifiuti, che spesso vengono rilasciate e immesse nell'ambiente

senza alcun controllo, un grande spreco di prodotti ancora con un importante potenziale. 

Per maggiori informazioni, contattaci:

info@risorsesmart.com



Seguici sui nostri social:

INFO COOKIE POLICY  |   WWW.RISORSESMART.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2016  |  POWERED BY FLAZIO EXPERIENCE

Create a website